Come i geodi guidano le forme della mia arte

Come i geodi guidano le forme della mia arte

I geodi come simboli: all’ interno di una pietra, che sembra comune, quasi bruttina ed insignificante, si nasconde un mondo sconosciuto e meraviglioso.

Le rocce ignee, o magmatiche, nascono appunto dal calore nel cuore della terra.

Con il raffreddamento lento, tutto al loro interno si è andato ad ordinare, ogni cosa ha preso il suo posto in uno suo spazio, con delle forme ben specifiche, i cristalli, appunto.

La formazione dei geodi richiede moltissimi anni, delle precise temperature e precisi tempi di raffreddamento, ma alla fine questo processo ha un esito incredibilmente sorprendente, splendente direi, per i giochi che la luce crea riflettendosi in quei cristalli.

Queste meraviglie di cristalli e di colori, sono il risultato di centinaia di migliaia di anni di “lavoro” che gli elementi chimici hanno fatto. 

Anche qui il calore, la fiamma a cui sono tanto attaccata, (il flame nel mio nome), ha avuto un ruolo fondamentale nella formazione di questi magnifici elementi.

Alcuni dei miei quadri si ispirano ai geodi, che sono una parte della natura non biologica, ma che hanno da sempre  ammaliato lo sguardo per la loro incredibile bellezza.

con la bellezza cerco di toccare il cuore di chi guarda i miei quadri e suscitare in ognuno un’ emozione ” .

Il cuore è la cosa più importante al di là delle apparenze, forse è una frase scontata, risentita, ma pensiamo a quante volte noi giudichiamo solo sull’apparenza:

 “ah no, quella cosa lì non fa per me, …Quella persona mi sembra così scialba … così antipatica” .

Con il mio lavoro voglio trasmettere tutto questo: la bellezza che il Padre Eterno ci ha voluto far sperimentare nella contemplazione di questi elementi naturali, che pur non essendo viventi ci parlano della Bellezza con la B maiuscola e ci insegnano anche qualcosa nella vita, basta saper comprendere il loro linguaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *